Articles

Brooklyn Nets acquisisce Landry Shamet, Bruce Brown e i diritti al draft di Reggie Perry in uno scambio a tre squadre

BROOKLYN – I Brooklyn Nets hanno acquisito la guardia Landry Shamet e i diritti al draft dell’attaccante Reggie Perry, la 57esima scelta assoluta del secondo giro del Draft NBA 2020, dai Los Angeles Clippers e la guardia Bruce Brown dai Detroit Pistons in uno scambio a tre squadre. I Nets hanno scambiato i diritti al draft di Saddiq Bey, la 19ª scelta assoluta del primo giro del Draft NBA 2020, la guardia Dzanan Musa, i diritti al draft della guardia Jaylen Hands e la seconda scelta del draft 2021 di Toronto a Detroit, e i diritti al draft della guardia/avanti Jay Scrubb, la 55ª scelta assoluta del secondo giro del Draft NBA 2020, ai Clippers. Per completare l’affare, i Pistons hanno scambiato l’attaccante Luke Kennard, il centro Justin Patton, la scelta del secondo giro di Portland del 2023 e le scelte del secondo giro di Detroit del 2024, 2025 e 2026 ai Clippers, e i Clippers hanno scambiato la guardia Rodney McGruder e considerazioni in denaro ai Pistons.

Shamet (6’4″, 190) è apparso in 132 partite (57 partenze) in due stagioni con Philadelphia (2018-19) e i Clippers (2019-20), registrando medie di 9,2 punti con il 42,0% di tiro dal campo e il 40,2% da 3 punti, 1,8 rimbalzi e 1,6 assist in 24,7 minuti a partita. Nella stagione 2019-20, il nativo di Kansas City, Mo., ha visto l’azione in 53 partite (30 partenze), con una media di 9,3 punti con il 40,4% di tiro dal campo e il 37,5% da 3 punti, 1,9 rimbalzi e 1,9 assist in 27,4 minuti a gara. Come rookie, Shamet ha diviso la stagione tra i Sixers e i Clippers, registrando medie di 9,1 punti con il 43,1% di tiro dal campo e il 42,2% dalla distanza, 1,7 rimbalzi e 1,5 assist in 22,8 minuti a partita in 79 partite (27 partenze) e ottenendo gli onori della seconda squadra NBA All-Rookie. Shamet è stato originariamente selezionato con la 26esima scelta assoluta al primo turno del Draft NBA 2018 da Philadelphia dopo aver trascorso tre anni (2015-18) a Wichita State, dove ha guadagnato gli onori All-Missouri Valley Conference First Team nel 2017, gli onori All-American Athletic Conference First Team nel 2018 e gli onori Honorable mention All-America dalla Associated Press nel 2018.

Brown (6’4″, 202) ha partecipato a 132 partite (99 partenze) nelle ultime due stagioni con i Pistons, registrando medie di 6,3 punti, 3,5 rimbalzi e 2,4 assist in 23,4 minuti a partita. Come rookie nella stagione 2018-19, Brown ha registrato medie di 4,3 punti con il 39,8% di tiro dal campo e il 25,8% da 3 punti, 2,5 rimbalzi e 1,2 assist in 19,6 minuti a partita in 74 partite (56 partenze). Nella campagna 2019-20, Brown è apparso in 58 partite (43 partenze) e ha migliorato le sue statistiche su tutta la linea, con una media di 8,9 punti con il 44,3% di tiro dal campo e il 34,4% dalla gamma da 3 punti, 4,7 rimbalzi, 4,0 assist e 1,1 furti in 28,2 minuti a gara. Il 24enne nativo di Boston è stato originariamente selezionato con la 42esima scelta assoluta al secondo giro del Draft NBA 2018 da Detroit dopo aver trascorso due anni (2016-18) all’Università di Miami.

Perry (6’10”, 250) ha giocato due stagioni collegiali (2018-20) a Mississippi State, registrando medie di 13,4 punti, 8,6 rimbalzi e 1,4 assist in 27,3 minuti a gara in 65 partite (49 partenze). Come sophomore la scorsa stagione, Perry è apparso in 31 partite (tutte iniziate) e ha registrato una media di 17,4 punti, 10,1 rimbalzi e 2,3 assist in 31,1 minuti a partita, guadagnandosi gli onori di consensus All-SEC First Team dagli allenatori e dai media e venendo nominato Co-Player of the Year della SEC dalla Associated Press. Il nativo di Thomasville, Ga., ha anche guadagnato i riconoscimenti All-SEC Freshman Team per il suo gioco durante la stagione 2018-19, quando ha avuto una media di 9,7 punti e 7,2 rimbalzi in 23,9 minuti a partita in 34 gare (18 partenze). Oltre al suo tempo con i Bulldogs, Perry ha gareggiato nella squadra di USA Basketball nella Coppa del Mondo FIBA U19 del 2019, dove ha vinto una medaglia d’oro, è stato nominato Most Valuable Player ed è stato selezionato nell’All-Tournament Team.

Musa è apparso in 49 partite in due stagioni con i Nets, pubblicando medie di 4,3 punti e 1,9 rimbalzi in 10,7 minuti a partita. In 40 partite durante la campagna 2019-20, Musa ha registrato medie di 4,8 punti, 2,2 rimbalzi e 1,1 assist in 12,2 minuti a gara. Nativo della Bosnia ed Erzegovina, Musa è stato originariamente selezionato con la 29esima scelta assoluta al primo turno del Draft NBA 2018 da Brooklyn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.