Articles

Il cervello è il 60% di grasso? Ma quale grasso?

Da dove viene fuori che il cervello è il 60% di grasso?

Il tuo cervello è stato chiamato l’oggetto più complesso dell’universo – innumerevoli esperimenti devono ancora scoprire come e perché funziona.

Alcuni fatti casuali sul cervello:

Il peso del tuo cervello è circa 3 libbre.

Il tuo cervello è composto da circa il 75% di acqua e sembra gelatina al tatto!

Il tuo cervello è composto da circa 100 miliardi di neuroni.

Il cervello ha il maggior numero di mitocondri di qualsiasi organo (specialmente la corteccia frontale). La corteccia frontale).

I recettori del dolore sono assenti nel tuo cervello, quindi il tuo cervello non può sentire dolore.

Il cervello umano è l’organo più grasso del tuo corpo e consiste di circa il 60% di grasso. Il venticinque per cento di colesterolo e altri lipidi.

Come può uno dei nostri organi più importanti contenere così tanto grasso? Quando si pensa a cosa serve per far funzionare un cervello, in termini di potenza, la risposta diventa più chiara. Il tuo cervello genera abbastanza watt per alimentare una lampadina (circa 20 watt). Tutti noi usiamo quasi il 100% del nostro cervello (non il 10%) e i grassi sono vitali per una dieta sana. I grassi svolgono molte funzioni nel nostro corpo tra cui l’assorbimento delle vitamine liposolubili, la sintesi ormonale, l’infiammazione, la regolazione della temperatura, la produzione di energia e molto altro. Il cervello è in grado di ottenere circa il 70% della sua energia esclusivamente dai grassi, cioè dai chetoni. Infatti, un migliore funzionamento della memoria è associato a livelli di colesterolo totale e lipoproteico a bassa densità più elevati in soggetti molto anziani (studio NIH). I ricercatori hanno dimostrato che negli anziani, la migliore funzione della memoria è stata osservata in quelli con i più alti livelli di colesterolo. Il colesterolo basso è associato a un aumento del rischio di depressione e persino di morte.

I grassi buoni, o lipidi, che lavorano così eloquentemente nel nostro corpo sono chiamati acidi grassi. I tipi di acidi grassi che consumiamo possono fare una grande differenza. I due principali acidi grassi essenziali omega-3 sono EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico). Gli acidi grassi essenziali sono necessari per il mantenimento di una salute ottimale. Non possono essere sintetizzati dal corpo e devono essere ottenuti da fonti alimentari. Molti studi di osservazione clinica hanno collegato l’assunzione dietetica squilibrata di acidi grassi a prestazioni cerebrali compromesse e malattie.

L’acido decosaesaenoico (DHA) alimentare è necessario per la maturazione funzionale ottimale della retina e della corteccia visiva, con acuità visiva e sviluppo mentale apparentemente migliorato da DHA extra. Fondamentalmente, avere un buon equilibrio di omega 3 a 6 a 9 è ciò che è veramente importante. Se mangiamo una buona quantità di fonti ricche di omega 3, il resto si bilancia. Ricordate l’acronimo SMASH – Salmone, Sgombro, Acciughe, Sardine e Aringhe contengono tutti quantità molto elevate di omega 3. Ma ricorda che anche altri frutti di mare come le ostriche e i gamberi contengono buoni omega 3 insieme ad altri nutrienti essenziali. Le fonti di carne contengono acidi grassi omega 3 in quantità molto elevate – 100 grammi di fegato (circa 3 once e mezzo) contengono un totale di 609 milligrammi di acidi grassi omega 3. Mentre una bistecca non contiene neanche lontanamente quella quantità. Una dieta a base di erba migliora il livello di acidi grassi Omega-3 in quella bistecca, ma non da nessuna parte vicino a quello che si può ottenere mangiando pesce.

È difficile per i vegani (vegetariani che non mangiano cibi derivati da animali, tra cui uova e latte) ottenere adeguati acidi grassi omega-3 dalle loro diete, dal momento che i due acidi grassi omega-3 essenziali, EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) sono più disponibili nell’olio di pesce. Le fonti vegetariane di omega-3 forniscono solo ALA (acido alfa-linolenico), una forma precursore che il corpo non può convertire in modo efficiente in DHA ed EPA di cui ha bisogno (c’è molto dibattito su questo).

Il colesterolo e il cervello

La maggior parte delle persone non pensa che abbiamo una quantità molto alta di colesterolo nel nostro cervello. Il colesterolo è di vitale importanza per il funzionamento del cervello. Mentre il cervello rappresenta circa il 2-3% del peso totale del corpo, il 25% del colesterolo nel corpo si trova nel cervello, dove svolge ruoli importanti in cose come la funzione della membrana, agisce come antiossidante, e serve come materia prima da cui siamo in grado di fare cose come il progesterone, estrogeni, cortisolo, testosterone e anche vitamina D. Ancora più importante, il colesterolo è la prima linea di difesa immunitaria del nostro corpo.

Questa comprensione del ruolo importante del colesterolo nella funzione del cervello solleva preoccupazione come ora vediamo cambiamenti nelle raccomandazioni per la prescrizione di farmaci statina. Alcune stime indicano che andando avanti, il numero di individui che assumono statine per abbassare il colesterolo in America può effettivamente raddoppiare! Questo presenta una proposta preoccupante per la salute del cervello.

Grassi trans e oli vegetali

Una ragione per cui l’America è diventata una nazione di persone in sovrappeso è a causa del nostro consumo di oli vegetali. Vale a dire i grassi trans; il nostro consumo di acidi grassi essenziali non trasformati è diminuito di oltre l’80%, mentre il nostro consumo di grassi trans è salito alle stelle di oltre il 2500%!

Se volete che il vostro cervello sia sano e felice, limitate severamente i grassi saturi e idrogenati.

I grassi trans disturbano la produzione di energia nei mitocondri (le fabbriche di energia) delle cellule del cervello. Quando la tua dieta è ricca di acidi grassi trans e povera di acidi grassi omega 3, il tuo cervello assorbe il doppio degli acidi grassi trans. Olio vegetale è un termine industriale. Una volta che cominci a cercare gli oli vegetali, li troverai in tutto!

Canola

Corno

Semi di cotone

Soy

Sunflower

Safflower

Tutti promuovono l’infiammazione che inizia nel tratto GI e si estende nelle arterie, nel sistema nervoso e in ogni altra parte del tuo corpo. Influenzano la produzione di energia bloccando gli enzimi coinvolti nella scomposizione del grasso per l’energia, contribuendo all’aumento di peso intorno alla vita. L’insorgenza della perossidazione lipidica all’interno delle membrane cellulari è associata a cambiamenti nelle loro proprietà fisiochimiche e alla compromissione delle funzioni enzimatiche situate nell’ambiente della membrana. Ci sono sempre più prove che le molecole aldeidiche generate endogenamente durante il processo di perossidazione lipidica. L’ossidazione degli acidi grassi omega 3 produce molecole come il 4-Hydroxy-2-nonenal (HNE), che sono in gran parte responsabili degli effetti citopatologici osservati durante lo stress ossidativo (studio qui).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.