Articles

Le cose che fanno sentire gli uomini insicuri

Nel senso convenzionale della parola, uomo è sinonimo di essere forte, sicuro e solido. Un uomo muove il mondo con la pura armatura della sua mascolinità.

A causa di questa percezione, è quasi difficile immaginare che la specie maschile nasconda alcune insicurezze, vulnerabilità e paure. Nel tentativo di scoprire cosa fa dubitare gli uomini di se stessi, cosa li preoccupa e cosa li frustra e li convalida, abbiamo coinvolto una dozzina di uomini in una conversazione leggera e sincera.

Come abbiamo scoperto, la ricerca della virilità non è solo divertimento e calcio. Nello stesso modo in cui le donne hanno insicurezze che circondano certe aree della femminilità prescritta, così gli uomini temono di non essere all’altezza della mascolinità prescritta.

Al centro c’è il bisogno radicato di essere competenti e di successo, unito alla convinzione consapevole che la società sta sempre guardando e giudicando le loro prestazioni.

Sorprendentemente, su tutta la linea, indipendentemente dall’età, dalla razza o dallo stato sociale, gli uomini erano unanimi nei loro sentimenti su ciò che dà loro sentimenti di insicurezza.

Quando abbiamo iniziato il nostro fidanzamento, Mutua, un affascinante ingegnere strutturale di 52 anni, e padre sposato di due gemelli di 21 anni, ha sottolineato che se entrambi i sessi si prendessero il tempo di capire da dove viene l’altro, in base alle esigenze (e ai ragionamenti) del loro genere, le relazioni sarebbero meno tumultuose.

“Il problema è che le donne hanno queste idee fisse sul perché un uomo reagisce ad una situazione nel modo in cui lo fa; mentre il suo ragionamento potrebbe essere più lontano da quello che stai immaginando”, ha spiegato.

CHE COSA FA dubitare gli uomini di se stessi?

E con questo abbiamo approfondito la questione delle cose che fanno dubitare gli uomini. Abbiamo chiesto: Qual è la più grande insicurezza di un uomo?

“Che non possa provvedere”, dice Kimani, 30 anni, venditore di assicurazioni single.

“L’unico motivo per cui non sono sposato è che voglio finire il mio master, migliorare la mia carriera, fare più soldi, comprare terreni, costruire una casa … solo allora mi sentirò a mio agio a sposarmi e a mettere su famiglia”. Chiediamo.

“Preferibilmente, sì. E’ questo che le donne non capiscono: se non posso dare il meglio ai miei cari, mi sento inadeguato. Le faccio un esempio: La mia ex, che ho frequentato per tre anni, voleva che andassimo a vivere insieme.

Voleva anche un bambino. Le ho detto che non ero pronto. Lei ha tradotto questo in ‘non mi ami’ e ‘stai sprecando il mio tempo’. Non è che non l’amavo. L’amavo. Ma non sentivo di poterle dare quello che penso che mia moglie meriti.

Sì, posso sposarmi ora, ma mi sentirò inadeguato perché non sto dando il meglio”

Non importa come sia stata posta quella domanda iniziale, non importa quale fosse l’argomento sul tavolo, tutto riportava sempre a questa articolazione: da quando gli uomini delle caverne cacciavano, al centro dell’identità di ogni uomo c’è il desiderio e il profondo peso di provvedere. È così che dice ‘ti amo’.

‘LA FAMIGLIA È PRIORITA’

“Non importa nemmeno quanto guadagna e contribuisce mia moglie”, dice Mahesh, 40 anni, un architetto la cui moglie è una banchiera di alto livello manageriale.

“Naturalmente il suo contributo rende il fardello finanziario più leggero, ma in fondo alla mia mente, questa è la mia responsabilità, e credetemi, pesa costantemente e pesantemente nella mente della maggior parte degli uomini.

E’ come se invece di aiutarmi a portarlo, preferissi che lei mi ‘incitasse’ mentre lo porto. Il modo migliore in cui lo fa è avere fiducia nei miei progetti, spingermi e incoraggiarmi ad andare là fuori e ottenere più contratti.

Mia moglie è manageriale e io sono artistico. Come la maggior parte degli artisti dubito costantemente del mio lavoro e una delle cose migliori che mia moglie mi abbia mai detto è stata ‘sei il miglior architetto che conosca e vincerai quella gara’.

Ho bisogno di sentirmelo dire più di quanto abbia bisogno del suo contributo finanziario. “

In tutte le interviste, gli uomini hanno passato l’80% del tempo a parlare di lavoro e di soldi.

“La famiglia di un uomo è la sua priorità”, sottolinea Mutua, “ma nel corso degli anni, mi sono sentito intrappolato tra la necessità di dedicare molte ore al lavoro in modo da fornire il meglio per loro e il fatto che mia moglie si è a volte lamentata che passo troppo tempo a lavorare. Nella mente di un uomo, questo è essere preso tra l’incudine e il martello.

Da un lato penso, che ne dici di ringraziarmi per quanto lavoro duramente per noi? Poi, dall’altro lato, mi preoccupo anche della mia competenza come marito e padre, due cose che definiscono la mia mascolinità.”

Il rispetto è fondamentale

“Per capire cosa alimenta la convalida (e l’insicurezza) di un uomo dobbiamo capire che fin dalla giovane età, a livello subconscio, la società nutre i ragazzi a ‘misurarsi’ e le ragazze ad essere ‘amabili'”, dice Kennedy, un consulente di 28 anni che sta seguendo un master in psicologia all’Università di Nairobi. Ha una relazione di un anno.

“Se la mia ragazza mi fa sentire mancato di rispetto, allora mi sento inadeguato; non sono all’altezza. Personalmente, la cosa peggiore che una donna mi abbia mai fatto è stata paragonarmi ad un altro uomo; le stavo parlando di una macchina che volevo comprare.

Era la mia prima ed era economica. Poi lei ha detto, ‘è bello ma preferisco l’auto che così e così (un amico maschio) ha spedito…’ Questo commento può essere innocente ma nella mia testa lei non rispetta il mio giudizio, lo sforzo e la realizzazione.

Ma ancora peggio, lei mi ha paragonato ad un altro uomo che sta facendo meglio finanziariamente. Mi hai fatto sentire come se non fossi all’altezza. Questo è un grave incidente. Potrei non dirlo, ma è probabile che io sia ferito e arrabbiato.”

Nel suo libro, Love and Respect, il dottor Emerson Eggerichs sottolinea che proprio come il pianto è la risposta di una donna al sentirsi non amata, la rabbia è la risposta di un uomo al sentirsi mancato di rispetto. Così, mentre lui potrebbe non dire “è stato irrispettoso”, si potrebbe percepire che è arrabbiato senza una ragione apparente, ma sta solo sentendo il dolore della vostra involontaria mancanza di rispetto.

“Sapete perché sarei a disagio a sposare una donna che guadagna più di me”, Kimani ci riporta alla questione dei soldi, “perché lei non mi rispetterebbe. Intendiamoci, potrebbe esserci una possibilità che lo faccia, ma probabilmente non sentirei comunque il rispetto. Ma come potrei? In qualche libro di regole che noi e il nostro creatore capiamo, c’è ancora qualcosa che manca.”

Daniel, un designer di 35 anni che frequenta da un anno e mezzo, sottolinea che ci sono molti modi in cui una donna può involontariamente mostrare mancanza di rispetto, “Per esempio”, dice gesticolando appassionatamente, “Le donne vogliono che viviamo al di sopra delle nostre possibilità o che facciamo le cose solo perché lo dicono loro.

L’altro giorno la mia ragazza voleva che andassi a prenderla al lavoro, ma non potevo perché non pensavo fosse pratico stare seduti nel traffico per ore, sprecando tempo e carburante, mentre sarebbe stato più facile per lei prendere un matatu.

Non è che io non voglia venirla a prendere, ma quando lei si ostina a mettere in dubbio i miei giudizi pratici penso: lei pensa di avere ragione e io torto.

Se lo fai costantemente, discutendo con me su ogni questione e mettendo il broncio quando non ottieni ciò che vuoi, mi sento come se le mie opinioni e decisioni non fossero apprezzate, come se ti aspettassi che io sia un burattino e che esegua sempre i tuoi ordini.

Perché pensi che ci incazziamo quando ci dici di accostare e chiedere indicazioni? Perché proprio lì stai dicendo che non pensi che possiamo capirlo, come se il nostro piano fosse stupido.”

Gli uomini possono sposare una donna che fa più soldi?

Duncan, un appaltatore di 35 anni, che ha una relazione da nove mesi, ribadisce quello che tutti gli uomini dicono: “Posso sposare una donna che guadagna più di me” (stiamo parlando di nuovo di soldi), “ma dipende dal suo atteggiamento. Sai qual è la cosa peggiore che mi ha detto un’amica quando le ho chiesto un prestito d’emergenza per un progetto? Wewe ni mwanaume wa aina gani? (Che tipo di uomo sei?)

“Stava scherzando, ma le donne non capiscono cosa fa questo a un uomo. Lei ha inequivocabilmente messo in dubbio la mia mascolinità. Potresti dirmi che mi ami fino alle calende greche, ma se ho la sensazione che tu non mi consideri abbastanza uomo, non sentirò il tuo amore.”

Kennedy aggiunge: “Gli uomini sono sottoposti a una forte pressione per la performance e sentiamo che tutti ci guardano e ci giudicano: dove lavora? Dove vanno a scuola i suoi figli? Che aspetto ha la moglie? Cosa guida?

“Pensiamo sempre: ‘Come sto andando? Qual è il mio punteggio? Certo, ci facciamo abbastanza pressione senza pressioni esterne, ma il modo più veloce per far sentire un uomo inadeguato è ricordargli costantemente che il suo rendimento non è abbastanza buono; che si tratti di essere un padre, un marito, un amante, un impiegato, un uomo d’affari, di aggiustare la TV… qualsiasi cosa.

Contrariamente alla credenza popolare, noi uomini non abbiamo grandi ego che hanno bisogno di essere accarezzati o tagliati a misura, abbiamo ego fragili che combattono come l’inferno per essere all’altezza delle aspettative e quindi speriamo di non essere mai spezzati, specialmente mettendo in discussione le mie capacità come uomo”.

ALTRE COSE DI CUI GLI UOMINI SI PREOCCUPANO…

Quali sono le tue insicurezze sessuali?

“Quando la mia ragazza dice che non ha voglia di fare sesso, non lo traduco nel fatto che è stanca o non si sente bene. Quando voglio il sesso, mi aspetto di averlo e il rifiuto è in qualche modo una riflessione su di me.

Penso, kwani non la sto soddisfacendo o lei non mi trova desiderabile? Allo stesso modo, la mia mente traduce ‘solo sdraiato lì’ come se fosse un dovere; non importa quanto ci provo, sono incapace di soddisfarla.

Quindi quando la mia ragazza mi mostra che mi desidera, per esempio iniziando e impegnandosi attivamente nel sesso, questo è molto validante.”

Calvin, un consulente dei media di 34 anni, sposato e senza figli

Ti preoccupi che la tua donna ti tradisca?

“Se io non le do il meglio, lo farà qualcun altro. Noi uomini siamo in costante competizione tra di noi. Quindi, prima di tutto, se la mia donna mi lascia o mi tradisce con un altro uomo, non solo mi sento inadeguato, ma ho anche perso il rispetto agli occhi dell’altro uomo.

Se la mia donna mi manca di rispetto di fronte ad altri uomini – come mia moglie una volta ha detto a suo padre che la ragione per cui non poteva portare i bambini da Shagz era perché avevo venduto la mia macchina e aveva ‘preso’ la sua prima che potessi averne un’altra. Era la verità ma, lei mi ha mancato di rispetto di fronte ad un altro uomo, ha esposto la mia debolezza. Sarebbe bello che lei mi coprisse le spalle a prescindere.

Nella mia comunità lo chiamiamo ‘nascondere la nudità del tuo uomo’. Fondamentalmente, se mi sento inadeguato, sarò a disagio per la ‘competizione’ per il suo rispetto – anche se è con suo padre.”

Maina, un ingegnere elettrico di 44 anni, che è un padre sposato di tre

Hai problemi con l’immagine corporea?

“Sì. Ma invece di fissarmi su come risolverli, trovo modi per compensarli; la maggior parte degli uomini lo fa. Per esempio, indosso raramente pantaloncini perché penso che le mie gambe siano magre. Ma questo non significa che non indosso pantaloncini. Quando guido una bella macchina, nessuno noterà comunque le mie gambe. Quando si tratta di invecchiare, l’unica insicurezza che c’è intorno è quella di non essere finanziariamente sicuro in tempo utile e di vedere i tuoi coetanei superarti nelle realizzazioni.

Personalmente, sono uno scapolo senior. L’unica preoccupazione di rimandare la creazione di una famiglia fino a quando non sarò più stabile finanziariamente, è che mi preoccupo di crescere i miei figli quando sarò vecchio.

Mi preoccupo anche che potrei non vedere i miei nipoti…è più come una paura che mi perderò perché nei suoi anni d’oro, un uomo considera i suoi figli e i suoi nipoti come parte della sua eredità; io potrei non averli e la mia famiglia, specialmente mia madre, me lo ricorda spesso — mi sento come se la stessi deludendo, eppure non posso sposarmi a causa della pressione.

Altrimenti non mi preoccupo dell’età in termini di aspetto, no. Non c’è insicurezza fisica che non possa essere coperta dal fatto che posso provvedere e proteggere e sono rispettato per questo.”

Danson, un manager immobiliare single di 42 anni

Perché voi uomini del Kenya siete così dannatamente poco romantici?

“Perché pensate che siamo poco romantici. Non pensiamo di poter mai soddisfare le vostre aspettative. Se il più grande bisogno di un uomo è quello di avere successo ed essere rispettato per questo, allora la sua più grande paura è quella di fallire ed essere umiliato per questo. Inoltre, c’è il fatto che la mia definizione di gesto premuroso differisce dalla tua.

Ricorda che la mia priorità è fornire ciò che ti rende felice. Un anno ho comprato a mia moglie una lavatrice per San Valentino. Lei ne desiderava una da anni. L’ha guardata e ha detto, ‘è carina ma non è un regalo di San Valentino’.

Lì lo traduco in ‘ho provato e ho fallito’. Passerà un po’ di tempo prima che io rischi di sperimentare di nuovo una cosa del genere, se mai lo farò. Un altro esempio; una volta ho fatto i pancake per colazione, poi ho sentito mia moglie dire alla domestica, ‘pancake tulipikiwa lakini ile mess imeachawa kitchen…wah! Di nuovo, ci ho provato ma ho fallito, quindi d’ora in poi andrò sul sicuro e non ci proverò affatto. Perché non puoi semplicemente dire grazie e apprezzare lo sforzo?”

Manjewa, un procuratore pubblico di 37 anni sposato con due figli

È VERO CHE LE DONNE MOLTO BELLE SONO INTIMIDANTI?

“Se sono finanziariamente stabile e sono sicuro che la mia mascolinità impone rispetto, allora no, non è intimidatoria. Ti faccio un esempio: dopo avermi presentato una delle sue amiche del villaggio, mia madre ha commentato in seguito quanto fosse bella la sua amica ai loro tempi. Poi ha detto che ogni volta che la sua amica e suo marito tornavano a casa da una funzione, lui la picchiava. Perché?

Perché altri uomini l’avevano ammirata.

Questo è solo un esempio estremo di ciò che le insicurezze possono fare a un uomo.

Robert, un 55enne sposato e padre di quattro figli.

Si tratta di un uomo che è un po’ più giovane di me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.